Via Daverio, 7 - 20122, Milano - C.F./P.IVA: 97136760150
segreteria.generale@lidu-ilhr.it

Una buona samaritana apre le porte della sua casa a donne e bambini venezuelani in difficoltà

Dalla parte di chi difende i diritti umani rischiando la vita per promuovere gli ideali di una società giusta e civile

Una buona samaritana apre le porte della sua casa a donne e bambini venezuelani in difficoltà

Due anni fa, una casalinga colombiana ha deciso di trasformare la sua casa in un rifugio improvvisato per rifugiati e migranti venezuelani in difficoltà nell’estenuante viaggio verso la sicurezza.

Di Jenny Barchfield a Pamplona, Colombia | 28 ottobre 2019

A metà degli anni ’70, il padre di Marta Duque la mandò dalla sua casa a Pamplona, in Colombia, nascosta nell’estremo oriente delle Ande, nella capitale venezuelana, Caracas, per lavorare come domestica. Aveva 12 anni.

Marta è tornata da molto tempo in Colombia, e due anni fa ha deciso di aprire le porte della sua casa a migliaia di venezuelani. Nel 2017, ha trasformato il suo garage, e poi la sua modesta casa di famiglia, in un rifugio improvvisato per rifugiati e migranti venezuelani, costretti ad un terribile viaggio via terra, spesso rischioso, verso destinazioni in tutta la Colombia e oltreoceano.

“Tutto è iniziato quando ho visto persone riunite sotto il ponte di fronte a casa mia”, ha detto Marta, 56 anni, parlando nel piccolo patio del cortile dove lei e il suo staff di circa 10 volontari preparano enormi pentole di zuppa su un fornello.

“Si stavano bagnando e faceva freddo, e mi è venuto in mente che potevo ospitarle nel garage… in modo che almeno fossero al coperto per la notte”.

Circa due anni dopo, diverse dozzine di donne, bambini e neonati ogni notte vengono ospitate nella casa di Marta, che è quasi sempre affidata agli ospiti temporanei. Anche i mobili del soggiorno sono stati messi in magazzino per fare spazio alle stuoie dove fino a 100 persone dormono guancia a guancia.

“Quando arrivano, le mamme e i loro bambini in lacrime sono estremamente stressati”.

“Quando arrivano, le mamme e i loro bambini in lacrime sono estremamente stressati”, ha detto Marta, che si occupa solo di donne e bambini, mentre il suo vicino di casa e a sua volta buon samaritano, Douglas Cabeza, ha aperto la sua proprietà a uomini e ragazzi. “Quello che mi fa andare avanti è vederli sorridere….. vederli mentre possono rilassarsi e ridere”.

Le necessità sono enormi. Più di quattro milioni di venezuelani hanno lasciato il loro paese dal 2015, fuggendo dall’insicurezza e dalla violenza, dalle persecuzioni e minacce, dalla carenza cronica di cibo e medicine e dal collasso dei servizi di base.

Si stima che circa 100-250 persone partano ogni giorno per il viaggio che li porta a piedi per centinaia o addirittura migliaia di chilometri su una strada tortuosa attraverso un passo di montagna gelido, verso destinazioni come le città colombiane di Medellin o Cali o addirittura verso l’Ecuador, il Perù o il Cile.

Pamplona, dove vive Marta, si trova a circa 40 miglia dal confine, e i cosiddetti “caminantes”, come sono conosciuti in spagnolo, la raggiungono dopo alcuni giorni difficili sulla strada, trascinando valigie, cullando neonati e bambini, mangiando nelle mense per i poveri gestite da agenzie umanitarie e ONG e dormendo nei rifugi quando c’è spazio, e quando non c’è sotto le intemperie.

Due anni dopo, non solo Marta non ha rimesso la macchina in garage, ma ha ceduto ai rifugiati e migranti venezuelani quasi tutta la casa con due camere da letto che condivide con il marito e il figlio adulto. Dall’alba fino a tarda notte, la casa è un alveare di incessanti attività e di rumore assordante, dato che Marta e i suoi volontari soddisfano le esigenze di decine di donne e bambini.

Marta ha riconosciuto che la sua estrema generosità ha messo a dura prova i suoi quasi 30 anni di matrimonio, aggiungendo che suo marito una volta le ha chiesto di scegliere tra lui e il rifugio.

“Non abbiamo avuto un solo giorno di riposo… ma non mi sembra un peso. Lo faccio con amore e convinzione”.

“Gli ho detto: ‘Se vuoi andare, vai, ma io non deluderò queste povere persone’,” ha detto. “Non è stato facile. Non abbiamo avuto un solo giorno di riposo… Ma non mi sembra un peso. Lo faccio con amore e convinzione, e se un giorno non ci saranno più, mi sentirò un po’ sola perché tutto questo ha cambiato la mia vita”.

 

Per aiutare i rifugiati e migranti vulnerabili provenienti dal Venezuela, l’UNHCR, l’Agenzia delle Nazioni Unite per i Rifugiati, ha intensificato la sua risposta e sta lavorando a stretto contatto con i governi e i partner nei paesi ospitanti per sostenere un approccio coordinato e globale.

Ciò include il sostegno agli Stati per migliorare le condizioni di accoglienza ai punti di frontiera dove i venezuelani arrivano in condizioni molto precarie, coordinare la fornitura di informazioni e assistenza per soddisfare i bisogni immediati dei venezuelani, compreso l’alloggio.

L’Unione Europea, insieme all’UNHCR e all’OIM, ha organizzato una Conferenza di solidarietà internazionale di alto livello il 28 e 29 ottobre a Bruxelles, per chiedere un’azione urgente e concertata per i rifugiati e i migranti venezuelani.

L’incontro di due giorni ha lo scopo di sensibilizzare sulla crisi, riaffermare gli impegni globali nei confronti dei paesi e delle comunità ospitanti, valutare le migliori pratiche e i risultati ottenuti, confermare il sostegno internazionale per una risposta regionale coordinata e chiedere una maggiore cooperazione tecnica e finanziaria internazionale con la regione.

L’articolo Una buona samaritana apre le porte della sua casa a donne e bambini venezuelani in difficoltà sembra essere il primo su UNHCR.

Please follow and like us:
error

 

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza Cookies solo per salvare la sessione dell’Utente e per svolgere altre attività strettamente necessarie al funzionamento dello stesso, ad esempio in relazione alla distribuzione del traffico. In caso di condivisione di articoli o parti del sito su altre piattaforme, ogni responsabilità sulla privacy e sull'utilizzo dei cookies sarà a carico del gestore delle medesime. I cookie utilizzati in questo sito, ci aiutano a combattere lo spam e gli attacchi di phishing, consentendoci di identificare i computer usati per eventuali attacchi malevoli. Usiamo i cookie anche per rilevare i computer in cui sono presenti malware e per adottare misure in grado di prevenire ulteriori danni. Continuando la navigazione in questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi