Via Daverio, 7 - 20122, Milano - C.F./P.IVA: 97136760150
segreteria.generale@lidu-ilhr.it

Anche il Testamento biologico è materia di riflessione in tema di diritti umani

Dalla parte di chi difende i diritti umani rischiando la vita per promuovere gli ideali di una società giusta e civile

Anche il Testamento biologico è materia di riflessione in tema di diritti umani

Non si tratta di approvazione dell’eutanasia, con la sentenza di mercoledì scorso infatti la Corte Costituzionale, dichiarando la non punibilità di Marco Cappato, che era accusato di avere aiutato il noto dj Fabo a suicidarsi in Svizzera, chiarisce esclusivamente l’articolo 580 del codice penale che, di fatto, equipara assistenza al suicidio e istigazione al suicidio, rinviando al Parlamento la necessità di legiferare in modo chiaro e netto su tale materia.

Tra le molte reazioni del mondo politico e dei diritti umani, che hanno commentato una sentenza che è già stata definite dai più come ‘storica’, considerate le implicazioni sociali in un paese come l’Italia, spicca quella della Lidu onlus che da ben 100 anni si occupa di tutela dei diritti umani.

“La Lega italiana per i Diritti dell’Uomo esprime il proprio apprezzamento per la sentenza della Corte Costituzionale – recita un comunicato stampa –  sulla rilevante e sentita questione del suicidio assistito…

CONTINUA A LEGGERE…

Please follow and like us:
error

 

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza Cookies solo per salvare la sessione dell’Utente e per svolgere altre attività strettamente necessarie al funzionamento dello stesso, ad esempio in relazione alla distribuzione del traffico. In caso di condivisione di articoli o parti del sito su altre piattaforme, ogni responsabilità sulla privacy e sull'utilizzo dei cookies sarà a carico del gestore delle medesime. I cookie utilizzati in questo sito, ci aiutano a combattere lo spam e gli attacchi di phishing, consentendoci di identificare i computer usati per eventuali attacchi malevoli. Usiamo i cookie anche per rilevare i computer in cui sono presenti malware e per adottare misure in grado di prevenire ulteriori danni. Continuando la navigazione in questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi