Via Daverio, 7 - 20122, Milano - C.F./P.IVA: 97136760150
segreteria.generale@lidu-ilhr.it

Messaggio del Segretario Generale in occasione della Giornata Mondiale contro il traffico di esseri umani

Dalla parte di chi difende i diritti umani rischiando la vita per promuovere gli ideali di una società giusta e civile

Messaggio del Segretario Generale in occasione della Giornata Mondiale contro il traffico di esseri umani

SGHS1

30 lugl – Il traffico di esseri umani è un reato odioso che tocca ogni parte del mondo. Circa il 72 per cento di vittime accertate è costituito da donne e ragazze, mentre la percentuale di bambini e bambine vittime è più che raddoppiata tra il 2004 e il 2016, secondo l’Ufficio ONU contro droga e crimine (UNODC). La maggior parte delle vittime è oggetto di traffico finalizzato allo sfruttamento sessuale, mentre altri sono preda di lavoro forzato, reclutamento come bambini soldato e altre forme di sfruttamento e abuso. 

Trafficanti e gruppi terroristi prendono di mira le persone vulnerabili, dai poveri a coloro che sono presi nel giogo della guerra o subiscono discriminazioni. Nadia Murad, la prima vittima di questo traffico a essere nominate Ambasciatrice di buona volontà delle Nazioni Unite, ha ottenuto lo scorso anno insieme a Denis Mukwege il Premio Nobel per la pace, per avere stimolato l’azione internazionale volta a porre fine al traffico e alla violenza sessuale nei conflitti.

Guerre, spostamenti forzati di popolazione, cambiamenti climatici, disastri naturali e povertà esasperano vulnerabilità e disperazione, creano così le premesse per alimentare il traffico di esseri umani. Sono i migranti a essere presi di mira. Migliaia di persone sono morte in mare, nei deserti, in centri di detenzione, per mano di trafficanti e di contrabbandieri di esseri umani che lucrano in modo mostruoso, spietato.

Tuttavia, anche l’indifferenza quotidiana a abusi e sfruttamento esige un sinistro pedaggio.  Infatti, sono moltissime le imprese che, dal settore delle costruzioni alla produzione alimentare a quella di beni di consumo, traggono profitto dalla miseria.

L’azione multilaterale ha generato progresso, compreso in virtù della Convenzione di Palermo e del suo Protocollo per prevenire, sopprimere e punire il traffico di esseri umani, in modo particolare donne e bambini.  La maggior parte degli Stati ha adottato la legislazione necessaria, e alcuni di essi hanno di recente registrato le prime condanne in materia. Tuttavia occorre fare di più per sottoporre alla giustizia le reti transnazionali di trafficanti e, soprattutto, garantire che le vittime siano identificate e sia dato loro accesso alla tutela e ai servizi di cui hanno bisogno.

Gli Obiettivi di sviluppo sostenibile prevedono la prevenzione di abusi e sfruttamento, l’eliminazione di tutte le forme di violenza contro tutte le donne e le ragazze, l’eradicazione del lavoro forzato, anche infantile. In occasione di questa Giornata, riaffermiamo dunque il nostro impegno ad arrestare il criminale, spietato sfruttamento di esseri umani per trarne un profitto e ad aiutare le vittime a ricostruirsi una vita.

Please follow and like us:
error

 

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza Cookies solo per salvare la sessione dell’Utente e per svolgere altre attività strettamente necessarie al funzionamento dello stesso, ad esempio in relazione alla distribuzione del traffico. In caso di condivisione di articoli o parti del sito su altre piattaforme, ogni responsabilità sulla privacy e sull'utilizzo dei cookies sarà a carico del gestore delle medesime. I cookie utilizzati in questo sito, ci aiutano a combattere lo spam e gli attacchi di phishing, consentendoci di identificare i computer usati per eventuali attacchi malevoli. Usiamo i cookie anche per rilevare i computer in cui sono presenti malware e per adottare misure in grado di prevenire ulteriori danni. Continuando la navigazione in questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi