Via Daverio, 7 - 20122, Milano.
+39 02 55184700
segreteria.generale@ilhr.it

Campagna di sensibilizzazione dell’Organizzazione Mondiale della Sanità per la Giornata Mondiale contro l’epatite

Dalla parte di chi difende i diritti umani rischiando la vita per promuovere gli ideali di una società giusta e civile

Campagna di sensibilizzazione dell’Organizzazione Mondiale della Sanità per la Giornata Mondiale contro l’epatite

WHO

26 lugl – L’epatite virale B e C colpisce 325 milioni di persone in tutto il mondo causando 1,4 milioni di morti all’anno. Si tratta della seconda malattia più letale in assoluto dopo la tubercolosi;  le persone infette da epatite sono nove volte di più rispetto a quelle con l’HIV. L’epatite è prevenibile, trattabile e, nel caso dell’epatite C, curabile. Tuttavia, oltre l’80% delle persone affette da epatite non dispongono di servizi di prevenzione, test e trattamento. 

Durante la campagna per la Giornata mondiale dell’epatite 2019, l’OMS esorta tutti i paesi ed i partner a promuovere il tema “Investire nell’eliminazione dell’epatite”. L’OMS pubblicherà nuove stime degli investimenti supplementari necessari per raggiungere gli obiettivi di eliminazione dell’epatite concordati a livello mondiale entro il 2030, nel contesto della copertura sanitaria universale.

Scopri di più sulla giornata: https://www.who.int/campaigns/world-hepatitis-day/2019

 

Please follow and like us:
error

 

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza Cookies solo per salvare la sessione dell’Utente e per svolgere altre attività strettamente necessarie al funzionamento dello stesso, ad esempio in relazione alla distribuzione del traffico. In caso di condivisione di articoli o parti del sito su altre piattaforme, ogni responsabilità sulla privacy e sull'utilizzo dei cookies sarà a carico del gestore delle medesime. I cookie utilizzati in questo sito, ci aiutano a combattere lo spam e gli attacchi di phishing, consentendoci di identificare i computer usati per eventuali attacchi malevoli. Usiamo i cookie anche per rilevare i computer in cui sono presenti malware e per adottare misure in grado di prevenire ulteriori danni. Continuando la navigazione in questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi