Via Daverio, 7 - 20122, Milano.
+39 02 55184700
segreteria.generale@ilhr.it

L’Italia dei diritti umani piange la morte di Alfredo Arpaia

Dalla parte di chi difende i diritti umani rischiando la vita per promuovere gli ideali di una società giusta e civile

L’Italia dei diritti umani piange la morte di Alfredo Arpaia

Alfredo Arpaia, Commissario Straordinario Lega Italiana per i Diritti dell’Uomo

L’Italia dei diritti umani piange la morte di Alfredo Arpaia, Commissario straordinario della Lega Italiana per Diritti dell’Uomo

Alfredo Arpaia ci ha lasciato il 7 gennaio, ad 88 anni, dopo una vita di impegno politico, anche in Parlamento come deputato nella VIII legislatura, sempre guidato da un solenne obiettivo democratico. 

Dal 2002 al 2016 aveva presieduto la Lega Italiana per i Diritti dell’Uomo, la più antica associazione italiana impegnata nella diffusione della conoscenza e l’applicazione dei diritti fondamentali dell’uomo, fondata a Roma nel 1919, da cui successivamente derivò la nascita a Milano della Lega Internazionale per i Diritti dell’Uomo che ho l’onore di presiedere.

Il suo impegno, il suo entusiasmo e la sua passione per i diritti e le libertà hanno continuato a manifestarsi fino all’ultimo istante, sempre partecipe della vita politica, sociale e culturale del nostro paese. 

Dal 2018, dopo la presidenza di Antonio Stango, aveva ripreso le redini dell’associazione come Commissario Straordinario e nello stesso anno avevamo sottoscritto un protocollo di intesa per la riunificazione della Lega Italiana con la Lega Internazionale.

Era un uomo infaticabile e dalle mille risorse.

Esempio che resterà sempre vivido nella nostra memoria, con lui se ne è andato un pezzo di storia del nostro paese.

Michele Marzulli
(Presidente Lega Internazionale per i Diritti dell’Uomo)

Please follow and like us:
error
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza Cookies solo per salvare la sessione dell’Utente e per svolgere altre attività strettamente necessarie al funzionamento dello stesso, ad esempio in relazione alla distribuzione del traffico. In caso di condivisione di articoli o parti del sito su altre piattaforme, ogni responsabilità sulla privacy e sull'utilizzo dei cookies sarà a carico del gestore delle medesime. I cookie utilizzati in questo sito, ci aiutano a combattere lo spam e gli attacchi di phishing, consentendoci di identificare i computer usati per eventuali attacchi malevoli. Usiamo i cookie anche per rilevare i computer in cui sono presenti malware e per adottare misure in grado di prevenire ulteriori danni. Continuando la navigazione in questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi